Fashion e-commerce: tips per distinguersi dalla concorrenza

Tra moda ed e-commerce è amore. E in Italia questo binomio è vincente, come testimoniano i più recenti dati raccolti dall’Osservatorio eCommerce B2c Netcom  del Politecnico di Milano.  Nel 2016 questo settore, infatti, ha registrato un tasso di crescita pari al 35%, quasi il doppio rispetto a quello dell’e-commerce totale, che ha visto l’aumento delle vendite al 19%.

È evidente che il fashion e-commerce è un settore molto redditizio. Ma come distinguersi in un ambito che sta diventando sempre più competitivo? Se hai intenzione di aprire uno shop online dedicato all’abbigliamento, o, se ce lo hai già, mettiti comodo e continua a leggere. Sono 5 gli ingredienti indispensabili per un fashion e-commerce di successo.

1.Love at first sight

 

Fashion e-commerce

La prima impressione conta, anche sul web. E, una volta approdati sul tuo sito, gli utenti devono avere immediatamente le idee chiare riguardo a tre elementi-chiave: chi sei, quali prodotti offri e cosa ti differenzia dalla concorrenza. Rispondere subito a domande di questo tipo, senza dover scrollare e visitare l’intera home per scoprirlo, dovrebbe essere il tuo obiettivo, per rassicurare l’utente, per conquistarlo e deliziarlo da subito. Come fare? Semplice. Basta un’ottima strategia di copy, supportata da un design che organizzi i contenuti –testi e immagini- con stile, magari sfruttando la tecnica del visual storytelling. Il segreto è sempre lo stesso: focalizzati sulla tua nicchia di mercato e mira a costruire una comunicazione efficace.

2.User experience al primo posto

 

Fashion e-commerce

Se ce l’hai già, dai uno sguardo approfondito al sito web del tuo fashion e-commerce e accertati di offrire un’esperienza di acquisto piacevole, semplice ed immediata.

Inoltre, ti suggerisco di riflettere anche su un altro aspetto: sono in aumento gli acquisti effettuati sui dispositivi mobili, come rivela il report di Criteo relativo al 2016, dedicato al mobile commerce  . L’esigenza di utenti sempre più legati al proprio smartphone è quella di acquistare in pochi, pochissimi passaggi.

3.SEO: contenti is the king

Anche nel fashion e-commerce, i testi sono fondamentali: proprio perché c’è concorrenza, una buona attività di SEO on page, solitamente sottovalutata, non potrà che giovare al tuo shop online. Dopo tutto, se il tuo sito non è ottimizzato per il motore di ricerca, sarà impossibile trovarlo e, di conseguenza, non genererà vendite. Ogni scheda prodotto, quindi, andrà scritta in ottica SEO e corredata di descrizioni sia brevi che più dettagliate. Non solo. Le tecniche SEO ti saranno utili anche per tenere aggiornato il tuo blog aziendalestrumento essenziale per qualsiasi e-commerce.

Tramite il blog, potrai raccontare non solo la tua azienda, ma anche i prodotti che vendi. Il blog contribuirà ad ottimizzare il tuo fashion e-commerce per i motori di ricerca e a risalire le serp, riuscendo a catturare l’attenzione di clienti veramente interessati, che potrebbero diventare assidui acquirenti, grazie ai tuoi contenuti di valore. Il blog necessita solo di costanza, per essere aggiornato, ma credimi, ne vale la pena.

4.I Social network come cassa di risonanza

 

Fashion e-commerce

 

Abitare i social pensando che siano strumenti di vendita è sbagliato. I social network sono un veicolo, tramite il quale rafforzare il tuo brand, per instaurare una comunicazione con i tuoi clienti, con l’obiettivo di fidelizzarli. Basterà una buona strategia di social media marketing per trasformare queste grandi piazze virtuali in un luogo nel quale creare conversazioni di valore intorno al tuo marchio.

5.Fashion e-commerce e newsletter

Se la SEO ti aiuta per l’indicizzazione, la newsletter sarà utilissima per rimanere in contatto con i tuoi clienti, per stabilire un filo diretto con loro e, soprattutto, per farli sentire parte di una community speciale.

Ricorda che la mail marketing, se utilizzata con raziocinio, in maniera professionale, può dare ottimi risultati. Attenzione, però: non guardare questo strumento come a un canale pubblicitario, nel quale inserire solo le tue promozioni, ma immagina la newsletter come ad un secondo blog, nel quale offrire ulteriori contenuti di valore ai tuoi clienti, ovvero a quel gruppo ristretto che si è iscritto solo perché davvero interessato a ricevere i tuoi aggiornamenti e, di conseguenza, anche potenzialmente interessato ad acquistare sul tuo fashion e-commerce.

 

A questo punto, non ti rimane altro che metterti al lavoro 😀 Non sarà semplice ma, curando questi aspetti, otterrai grandi risultati.

 

Scrivi un commento