Blog aziendale: uno strumento indispensabile per il business

Perché aprire un blog aziendale? Cosa dovrei farci?

Pochi giorni fa, di fronte alla mia proposta di aprire un blog, un mio cliente, che ha da poco avviato al sua attività, non capiva l’utilità di questo strumento. Allora ho sfoderato tutto il mio self control e gli ho spiegato che oggi il blog aziendale è uno strumento insostituibile per comunicare i propri valori come professionista, inoltre consente di ottenere maggiore visibilità e di farsi conoscere dai propri clienti.

Il sito è sicuramente uno strumento eccezionale, attraverso il quale l’azienda può esporre la propria mission e la propria identità ma è una vetrina statica, asettica e impersonale. È sul blog che l’attività commerciale si esprime e si racconta. Tramite il blog, l’azienda riesce ad arrivare alle persone giuste, ovvero ai potenziali clienti.

Blog aziendale: di cosa si tratta?

blog aziendale

Esattamente come il personal blog, il blog aziendale è un diario online, con tag e permalink, tuttavia c’è una differenza notevole. Il blog aziendale è integrato al sito e segue logiche commerciali precise. Presenta varie tipologie di post, come i tutorial di un prodotto o le news di settore. In ogni caso, i vari argomenti vertono tutti su un unico obiettivo: raccontare l’azienda, senza fare pubblicità diretta.

Ma quali sono i vantaggi concreti di una tale attività online?

1.Avvicinare chi legge

Questa è la motivazione più importante che dovrebbe spingere qualsiasi attività ad avere un blog aziendale: spesso -anzi quasi sempre- l’acquisto di un prodotto è una questione di fiducia.

Basta pensare alla propria esperienza di vita personale: fidarsi di qualcuno è un atto importante, perché si stabilisce una sorta di patto, un fil rouge, un collegamento, una relazione personale da coltivare nel tempo, basata sulla stima reciproca. Lo stesso avviene per quanto riguarda qualsiasi business, nel rapporto tra prodotti e clienti. È proprio qui che entra in gioco il blog: tramite i post si crea un legame emozionale forte e duraturo nel tempo.

2.Farsi conoscere

blog aziendale

 

Ok, ci sono tanti strumenti che consentono all’azienda di farsi conoscere: la newsletter, i volantini, i social,… Ecco, i social. Lì si possono condividere prodotti, ma corredati di descrizioni brevi che poco comunicano. Per le aziende, i social servono ad attirare l’attenzione sulla merce, ma gli utenti interessati sicuramente vorranno leggere maggiori informazioni al riguardo.

Il blog consente proprio questo: una comunicazione più diretta e capillare, rivolta ai propri interlocutori.  E questo vale anche per le aziende di medie o piccole dimensioni e per le attività artigianali, perché è proprio in queste realtà che devono emergere valori come la competenza, l’esperienza, la storia: tutto questo va comunicato. Il blog aziendale rappresenta il luogo virtuale perfetto per raccontare tecniche di lavorazione, professionalità, abilità e segreti del mestiere: altrove non sarebbe possibile tutto questo.

3.Semplicità di gestione

blog aziendale

 

Piattaforme come WordPress consentono una reale semplicità di gestione del sito e del blog, perché non approfittarne?

Dal punto di vista dei contenuti, l’azienda dovrà fare riferimento alla propria competenza nel settore e all’esperienza maturata e dovrà creare testi che possano interessare al target. Dal punto di vista pratico, se ne occuperà il web content editor, detto anche web writer, un professionista del web che possiede le giuste competenze per svolgere questa attività, costruendo post che potranno piacere anche a Google.

Perché aprire un blog aziendale?

Concludo riproponendo la domanda con la quale ho iniziato: perché aprire in blog aziendale? Il blog aziendale è il modo migliore per dare valore a un’attività commerciale. I risultati non saranno visibili nell’immediato, ma sono duraturi nel tempo. Questo strumento, se gestito da un professionista del settore, che conosca la SEO e i meccanismi di inbound marketingconsente di realizzare obiettivi concreti.

 

 

Scrivi un commento